FANDOM


Per la sua controparte di Terra-2 vedi: Laurel Lance (Terra-2)

Per le altre che hanno usato il nome Black Canary vedi: Sara Lance e Dinah Drake

Dinah Laurel Lance (1985-2016), chiamata semplicemente Laurel Lance, era la figlia maggiore di Quentin Lance e Dinah Lance, la sorella maggiore di Sara Lance , e amica di lunga data di Oliver Queen con cui ha anche avuto una relazione . Era un avvocato ma, dopo la morte di sua sorella è ha scelto di diventare un vigilante e si è fatta allenare da Ted Grant e, Nyssa al Ghul . Alla fine si è unì al team Arrow con il nome di Black Canary.

Laurel venne uccisa da Damien Darhk e dopo la sua morte, la sua identità venne resa pubblica da Oliver Queen, che fece erigere una statua in suo onore.

Biografia Modifica

Giovinezza Modifica

Laurel nasce nel 1985 da Quentin e Dinah Lance.

A 7 anni incontrò e divenne amica di Oliver Queen e Tommy Merlyn. A 20 anni, quando a una delle feste di Tommy, sua sorella Sara si imbucò per trascorrere del tempo da sola con Oliver, e il padre e la polizia vennero a riprenderla ; secondo Sara era stata Laurel a chiamarli per impedirle di stare con Oliver e potrebbe essere vero dato che un mese dopo Laurel e Oliver divennero una coppia nonostante a Quentin, Oliver non piacesse molto.

2 anni dopo Laurel disse a Oliver che voleva andare a vivere con lui visto che stavano insieme da più tempo dei loro amici Ray e Jean e questi ultimi erano già andati a vivere insieme. Oliver si disse d'accordo, ma poi venne preso dal panico, e invece di dire Laurel che non si sentiva pronto per andare a vivere con lei la tradì prima con Samantha Clayton e poi con sua sorella, Sara, che invitò sul Queen's Gambit con lui. 

Quando la barca affondò Laurel scoprì, da Moira Queen,che anche Sara era sul Gambit, e si rese conto che Oliver la tradiva con la sorella.

Devastata e irritata dal tradimento di sua sorella e dell'uomo che amava Laurel non soffrì per la presunta morte di Sara e anzi dopo, che i suoi genitori divorziarono e suo padre divenne un alcolizzato prese a odiare lei e Oliver. Nei 5 anni successivi si laureò in legge e iniziò una relazione con Tommy Merlyn che però non divenne mai seria nonostante il giovane lo volesse.

Andò a lavorare al CNRI.

Il ritorno di Oliver Modifica

Laurel stava lavorando ad un caso contro Adam Hunt con la sua migliore amica e collega Joanna de la Vega, quando , scoprì dal telegiornale che Oliver era sopravvissuto al naufragio e Sara no. 

Oliver in seguito andò a scusarsi con lei, ma Laurel non accettò le scuse essendo ancora arrabbiata con lui per il suo tradimento e la morte di Sara. Successivamente però andò alla festa di bentornato di Oliver scusandosi con lui per essere stata troppo dura con lui. Chiese notizie sulla sorella e gli disse che ci sarebbe stata se avesse avuto bisogno di parlare di quello che era successo, Oliver le rispose che l'isola non l'aveva cambiato e che era meglio che lei gli stesse lontana o l'avrebbe ferita di nuovo, ma Laurel replicò che invece era diventato più onesto.

Laurel successivamente ebbe un cliente il cui padre, un uomo onesto, è stato assassinato da Martin Somers. Ha incontrato di nuovo il giovane Queen al palazzo di giustizia dove è stata revocato la sua morte in contumacia, cosa che si è risolta in un altro momento imbarazzante tra i due. 

Successivamnte , Oliver è andato al suo appartamento pere dirle che gli era mancata mentre era sull'isola. Hanno ricominciato a legare, ma la casa è stata attaccata dalla Triade cinese su ordine di Martin. 

Oliver si è poi messo nei guai con Max Fuller mentre era al suo club ed è stato trascinato in una stanza sul retro per essere picchiato dai suoi scagnozzi come punizione per aver fatto sesso con la fidanzata di Fuller alla loro cena prenunziale. Tommy cercò invano di proteggerlo, ma fu Laurel a risolvere la situazione. Oliver ha scoperto in quell'occasione che Laurel e Tommy erano stati insieme mentre era sull'isola e ha cercato di parlare con Laurel di questo, ma lei gli disse che non aveva bisogno nè del suo perdono nè della sua benedizione e ha lasciato il club. In seguito ha parlato con Tommy .

Quando Peter Declan è stato ingiustamente accusato di aver ucciso sua moglie, Laurel ne ha assunto la difesa. In un primo momento le informazioni che ha trovato non sono state sufficienti per liberarlo così andò in prigione per parlare con lui. Mentre era ad Iron Heights prigione, venne attaccata da uno scagnozzo del vero assassino, ma l'incappucciato la salvò. Inorridito dalla violenza del vigilante Laurel lo ha descritto come un "mostro" a suo padre.

Quando suo padre lo arrestò sospettandolo di essere il vigilante, Oliver ha detto a Moira di chiedere a Laurel a difenderlo. Laurel ha accettato con riluttanza ed alla fine ha discusso con Quentin dicendogli che non era colpa di Oliver se Sara era morta e Dinah li aveva abbandonati . Durante il poligrafo di Oliver, si rattristò scoprendo che era stato torturato e che si sentiva colpevole della morte di Sara. Laurel ebbe un incontro privato con Oliver al suo party, dove hanno discusso e finito per baciarsi. Dopo che Oliver è stato scagionato Laurel, ha ammesso che erano chiaramente ancora attratti l'uno dall'altro, ma ha chiarito che nulla sarebbe mai successo tra loro. 

Il CNRI perse il suo più grande sponsor e Tommy suggerì di fare una raccolta fondi inizialmente Laurel era diffidente ma alla fine accettò e dopo aver visto Tommy prendersi cura dell'ubriaca Thea, rivalutò l'idea di avere una relazione seria con lui e accettò di andare a cena con lui; e quando suo padre gli tagliò i fondi lo rincuorò, incoraggiò a chiedere a Oliver un posto di lavoro e ospitò. Andò alla festa di Natale dei Queen con lui e quando Adam Hunt venne ucciso, Laurel si rese conto che l'Incappucciato stava cercando di proteggerla. 

Dopo la morte del fratello di Joanna, Danny de la Vega , è morto in un incendio sospetto, Laurel ha chiesto a suo padre di indagare ma lui ha rifiutato, non ritenendolo un decesso sospetto così si è rivolta a un altro poliziotto, scoprendo che l'assassino di Danny era un uomo creduto morto, Garfield Lynns; Laurel è stata brevemente coinvolta in un incendio da lui causato e successivamente suo padre decise di usarla come esca per prendere il Giustiziere.

Quando Thea finì nei guai per guida sotto l'effetto di Vertigo, Laurel chiese a suo padre di chiudere un occhio ricordandogli i guai di Sara nella sua adolescenza. Come parte del patteggiamento, Thea ha dovuto lavorare al CNRI con Laurel per qualche tempo.

Laurel ha scoperto che il criminale Ciro Vanch era stato rilasciato dal carcere e ha chiesto l'aiuto dell'Incappucciato per trovare prove contro di lui. 

Lasciò un appuntamento con Tommy per incontrarlo su un tetto, senza sapere il padre la stava seguendo per catturare il Giustiziere. Laurel e Quentin discussero a lungo per questo motivo. 

Laurel venne poi rapita da Vanch, per essere usata come esca per attirare il Vigilante; il padre e l'Incappucciato la salvarono, e disse al primo di stare lontano da lei; ironicamente l'incappucciato le disse la stessa cosa e il loro rapporto creò tensioni fra Laurel e Tommy.

Laurel era con Thea, quando le venne scippata la borsa da Roy Harper e diede informazioni a suo padre in modo che potesse arrestare Roy.

Aiutò Tommy a festeggiare il suo compleanno incoraggiandolo anche a partecipare a una cerimonia in cui Malcolm Merlyn stava per ricevere un premio. In seguito, ricevette una visita a sorpresa di sua madre, Dinah, che pensava che Sara fosse ancora viva.

Alla fine la ragazza convinse il padre ad aiutare la donna nelle indagini per farle capire che Sara era morta; in quell'occasione Dinah ammise di aver permesso a Sara di andare sul Gambit con Oliver e ciò permise a Laurel di riconciliarsi con lei e le chiese di mantenere i contatti una volta tornata a Central City . Nel frattempo, Tommy prese le distanze da Laurel, anche se l'avvocatessa aveva bisogno di lui.

Laurel era furiosa quando suo padre cercò di dimostrare che Tommy e Oliver vendevano Vertigo al Verdant.

Cercò di aiutare una famiglia, ma la coppia venne assassinata; si prese cura per un po' di loro figlio Tyler e si trasferì con lui a Villa Queen e alla fine Oliver ( come Incappucciato) catturò l'assassino e Tyler venne affidato ai nonni. Tommy lasciò Laurel, mentendole e raccontandole che non era pronto per una relazione seira.

Quando Laurel volle sapere la verità sulla loro rottura lui le disse che Oliver era ancora innamorato di lei e che doveva stare con lui. Quando Laurel si recò da Oliver e gli chiese di dire a Tommy che non la amava più, lui si rifiutò dicendole di avere troppe bugie nella sua vita e di essere ancora innamorato di lei.

Una settimana dopo, Laurel andò al Verdant pronta ad ammettere che aveva ancora sentimenti per lui; Tuttavia, Oliver mentì e le disse che tra loro non era cambiato nulla. Successivamente la ragazza si recò da da suo padre, e gli rivelò che il motivo per cui Tommy aveva rotto con lei era Oliver e Quentin la sorprese affermando che lui era cambiato .

Oliver poi andò da Laurel, dicendole che era pronto a tornare con lei che lo conosceva meglio di chiunquee lei lo baciò Laurel non sapeva che Oliver precedentemente aveva convinto Tommy a riconciliarsi con lei e lui desideroso di fare proprio questo li vide baciarsi.

La mattina dopo andò a troavare Oliver a Villa Queen perché se n'era andato mentre lei dormiva, preoccupata che fosse di nuovo spaventato, ma Oliver le assicurò che non era così e le disse che aveva sempre visto il meglio di lui e che l'isola aveva portato fuori la persona che lei aveva sempre visto, frase che li portò a baciarsi appassionatamente.

Oliver le disse anche di restare fuori da The Glades quella notte, ma quando Moira confessò in una conferenza stampa di aver partecipato al folle progetto di Malcom Merlyn , Laurel andò al CNRI per cercare di salvare file di valore per i mezzi di sussistenza dei suoi clienti.

Mentre era lì, suo padre la chiamò e le disse di uscire. Ci provò ma rimase intrappolata sotto le macerie cadenti quando l'edificio crollò . Tommy arrivò per salvarle la vita ma fu tragicamente ucciso nel tentativo e suo padre le impedì di cercare di tornare da lui.

Superare la morte di Tommy Modifica

Un anno dopo il terremoto e la distruzione del CNRI, Laurel divenne una delle assistenti del procuratore distrettuale. 

Era presente a un evento organizzato dal sindaco che venne interrotto dagli Incappucciati , che spararono al procuratore distrettuale, anche se Laurel riusc' a salvarlo. 

Subito dopo, uno di loro le puntò contro una pistola prima che potesse fare qualsiasi altra cosa ma gli Incappucciati sono stati costretti a fuggire dall'arrivo della polizia. 

Suo padre, retrocesso al grado di ufficiale, cercò di farle domande sull'attacco, ma il suo capo glielo impedì.

Quando ha visto Oliver e hanno parlato gli ha detto che si era pentita di aver fatto sesso con lui, perchè sentiva di aver tradito Tommy. 

Lo incontrò di nuovo alla tomba di Tommy, dove decisero di essere amici e disse che avrebbe aiutato il procuratore distrettuale a catturare l'Incappucciato, ignara che lui e Oliver fossero la stessa persona.

Laurel fece piani per catturare il vigilante, determinata essendo arrabbiata perché credeva che avesse avuto l'opportunità di salvare la vita di Tommy, ma non l'aveva sfruttata e l'ha attirato in trappola ma lui è stato salvato da Black Canary.

Quando Quentin fece arrabbiare il serial killer a cui stava dando la caccia, il Fabbricante di bambole , l'uomo prese di mira Laurel, rapendola e tentando di ucciderla di fronte a Quentin.

Arrow è arrivato giusto in tempo per salvare la vita di Laurel e Canary ha ucciso il Fabbricante.

Laurel dopo quest'evento si rese conto che la sua rabbia era rivolta alla persona sbagliata e che lei stessa si sentiva responsabile per la morte di Tommy. Purtroppo questa realizzazione la portò a bere molto e ad assumere antidepressivi.

Sia Oliver che Quentin tentarono di parlarle ma lei li ignorò, Canary, in realtà la sorella più giovane di Laurel, Sara, cominicò a sorvegliarla.

Laurel fu tra gli accusatori di Moira e fu in grado di convincere il procuratore distrettuale a offrire alla donna un patteggiamento - l'ergastolo al posto della pena di morte (se si fosse dichiarata colpevole).

Oliver la portò fuori a cena per proteggerla dagli Assassini che inseguivano sua sorella Sara. Dopo mangiato lei ci provò con Oliver, che la rifiutò gentilmente, chiarendo che voleva essere solo suo amico. Lei scoppiò in lacrime, e gli chiese perché tutti nella sua vita sembravano scappare da lei prima di notare che la porta del suo appartamento era aperta e quando Oliver ci entrò per indagare trovò un coltello, che le nascose; dopo che il giovane Queen se ne fu andato, Laurel prese alcuni antidepressivi.

Laurel è stata poi nominata procuratore capo nel caso Moira Queen e mentre esaminava le note del caso, scoprì la "carta vincente" dell'accusa(che Moira aveva una relazione con Malcolm). Sconvolta da ciò, ha cercato di convincere Moira a proteggere la sua famiglia, avvertendola che era obbligata a perseguire il caso al meglio delle sue capacità e sarebbe stata costretta a presentare le prove in tribunale se Moira avesse testimoniato . Tuttavia, Moira ha comunque deciso di testimoniare e Laurel ha dovuto rivelare la faccenda. Quando incontrò Oliver subito dopo, provò a evitarlo, sconvolte e pieno di sensi di colpa per le sue azioni.